I poster hackerati di Ready Player One

2 min


Dicono che l’imitazione sia la migliore forma di adulazione, e Ready Player One di Steven Spielberg sembra strizzare l’occhio a questa regola. Basato sull’omonimo libro bestseller di Ernest Cline, Ready Player One è ambientato nel 2045 in un mondo di realtà virtuale immersiva chiamato “OASIS”, tutto è possibile qui, sopratutto le  repliche di universi della cultura pop di cui il creatore, Halliday, era un grande appassionato. Che l’attenzione per la grafica in questo film fosse alta lo si era già capito dal logo creato da una delle agenzie più importanti sul pianeta, la PENTAGRAM, che è riuscita a creare il titolo con gli elementi fondamentali del film: un labirinto, classico riferimento al gioco D&D, dove all’arrivo vi è  l’ester egg, il premio della caccia al tesoro di Hallydey!

La reputazione di Spielberg nel mondo del cinema richiama alla mente più famosi blockbuster degli anni passati, nasce da qui l’idea di “hackerare” i poster di quest’ultimi con i protagonisti del suo nuovo film. Questi poster di Ready Player One rendono abilmente omaggio ai classici e vedono i personaggi avatar di “OASIS” in posa per imitare opere d’arte di film come Beetlejuice, The Goonies e The Matrix.

Le ricreazioni non sono solo ispirate dalle pose del personaggio; prendono persino la tipografia dei poster retrò e remixano le loro tagline in modo che siano rilevanti per la trama di Ready Player One. e come avete visto dalla copertina di questo articolo, sono state pure stampante e appese nelle città per promuovere il film.


Like it? Share with your friends!

Commenta

Commenti

Marco lombardo è il fondatore di robadagarafici.net Si occupa di aiutare i marchi a crescere. Crea identità memorabili grazie a strategie che ne rafforzano l'identità. marcolombardo@wiredlayer.com info@robadagrafici.net