46

Riuscire a fare un bel abbinamento di font è essenziali per creare un design eccezionale, ma scegliere i migliori font da accoppiare può sembrare un’arte oscura impossibile per la maggior parte delle persone.
Alcuni sostengono che il 95% della grafica è tipografia: può creare o distruggere qualsiasi palette di colore, layout o sito Web accuratamente predisposto, può far sì che la gente smetta di leggere il testo e dica “aspetta, c’è qualcosa di strano in questa pagina”, ha il potere di rendere riconoscibile un logo anche se si utilizza il solito Helvetica Bold.

Scegliere i caratteri giusti e combinarli insieme può essere difficile anche per i designer più esperti. Avete mai notato che i progettisti normalmente usano solo un paio di caratteri tipografici in tutti i loro lavori? Ciò è in parte dovuto al fatto che i caratteri possono essere molto costosi, ma anche perché l’associazione dei font è una seccatura, e quindi si preferisce rimanere nella confort zone usando vecchie e comprovate combinazioni di font.

Esistono diversi bot per assicurarci che le scelte dei nostri font siano effettivamente funzionali:.
Esiste il  (un vero e proprio generatore di abbinamenti di font, anche se orientato alla sua piattaforma) oppure https://fontpair.com che raccoglie come dice il nome le migliori coppie di font oppure https://www.typotheque.com/fonts/combinator/latin che crea delle composizioni tipografiche partendo da un “mood” come, ad esempio, elegante o forte, trendy e così via.

C’è un vecchio detto che dice “devi conoscere le regole prima di poterle distruggere”.

Nel design ci sono delle regole ma davvero poche di queste sono incise nella pietra: è sempre possibile piegare le regole a proprio vantaggio quando serve.[easy-tweet tweet=”Nel design ci sono delle regole ma davvero poche di queste sono incise nella pietra: è sempre possibile piegare le regole a proprio vantaggio quando serve.” user=”@rdgnet”]
Quindi conosciamo quali sono le 10 regole d’oro per combinare in maniera efficacie i font:

01. Scegli caratteri complementari
Così come nei colori anche nei font ci sono dei caratteri complementari, ma in questo caso parliamo della “personalità” di un carattere, molti tipi di carattere hanno stati d’animo o personalità distinti: serio, casual, giocoso, elegante. Assicurarti che l’umore delle tue scelte corrisponda allo scopo del tuo design. Ad esempio, un carattere tipografico arrotondato e frizzante può essere appropriato per l’invito a una festa di compleanno di un bambino, ma non per la newsletter aziendale. I caratteri “introversi” e “estroversi” si bilanciano reciprocamente quando combinati. Quindi, se si dispone di un carattere distintivo con una “personalità forte” (spesso indicato come un font di visualizzazione), è bene abbinarlo a qualcosa di più neutro e conservatore per un design equilibrato.

02. Stabilire una gerarchia visiva
Formati editoriali tradizionali come giornali e riviste offrono buoni esempi di come applicare una gerarchia visiva ai caratteri. Combinano i caratteri in modo da separare visivamente diversi elementi testuali come titoli, sottotitoli, copia del corpo e didascalie. Qualità come dimensioni, peso (o “audacia”) e spaziatura (tra cui l’interlinea, lo spazio tra le linee e il crenatura, lo spazio tra le lettere) contribuiscono tutti a guidare l’occhio nel navigare nella pagina e quale testo dovrebbe attirare l’attenzione per primo.

Una gerarchia può essere stabilita per qualsiasi tipo di design, non solo per i layout con titoli e copia del corpo. Quando scegli i caratteri per un progetto, pensa solo a quale parte vuoi che gli spettatori guardino prima. Oppure ecco un altro modo per affrontarlo: decidere quali informazioni sono essenziali – cosa deve emergere a prima vista (un nome di società, un titolo, un’offerta speciale?) – e ciò che è meno importante. Quindi, imposta di conseguenza lo stile, le dimensioni e le opzioni di disposizione del carattere.

03. Considera il contesto
La destinazione e il target di riferimento dovrebbero aiutarti a determinare quali caratteri funzioneranno per il tuo progetto. Il testo dovrebbe essere facilmente leggibile alla dimensione che verrà visualizzata e la chiarezza è particolarmente importante per un font piccolo.

Oltre alla dimensione, anche gli stili dei caratteri influenzano la leggibilità. Un buon punto di partenza per scegliere i font che si adattano al contesto del tuo design è quello di abbinare gli attributi del tuo messaggio previsto con i tratti percepiti di un carattere tipografico (Questo si ricollega con le personalità dei caratteri discussi nella Regola n. 1).

Il contesto può anche essere affrontato in termini di generi e periodi storici. Fare una piccola ricerca sugli sfondi dei font che stai considerando – quando e come sono stati creati e per quale scopo, o anche come sono stati utilizzati in un contesto culturale – può aiutare a determinare se sono una buona scelta per il tuo design. Per esempio, un progetto di copertina di un libro per una biografia su Abraham Lincoln potrebbe presentare un font serif che era in uso durante l’era della guerra civile americana, come Caslon o Clarendon.

04. mixa serifs e sans serifs
Sei a corto di tempo e hai bisogno di scegliere due tipi di carattere, alla veloce? Prova con un serif e un sans serif. I due tendono a lavorare sorprendentemente bene insieme, in particolare a taglie contrastanti.

Vale la pena notare che, nel mondo della tipografia, c’è un dibattito in corso su quale famiglia di caratteri siano migliore in termini di leggibilità. Per grandi quantità di testo, i caratteri serif sono generalmente pensati per muovere l’occhio più efficacemente e aumentare la velocità di lettura, soprattutto in stampa (anche se questo ovviamente dipende dalle caratteristiche del carattere specifico utilizzato). D’altra parte, i caratteri sans-serif sono spesso preferiti per il testo online / sullo schermo a causa delle loro forme semplificate che vengono visualizzate in modo più chiaro anche a diverse risoluzioni dello schermo.

05. Crea contrasto
Uno dei motivi principali per cui l’abbinamento di caratteri serif e sans-serif funziona così bene è che crea contrasto. Questa idea di contrasto riunisce più concetti che dovresti prendere in considerazione, tra cui la gerarchia e il modo in cui i caratteri si completano a vicenda. Il contrasto può essere ottenuto in diversi modi, tra cui stile, dimensioni, peso, spaziatura e ovviamente il colore. Le differenze aiutano a creare ruoli distinti per ogni carattere, consentendo loro di distinguersi come singole informazioni.

06. Evitare i conflitti
Quando si combinano i caratteri, si desidera il contrasto, ma non il conflitto. Solo perché i caratteri sono molto diversi tra loro non significa che funzioneranno automaticamente bene insieme. In generale, i caratteri tipografici che condividono alcune  qualità – proporzioni simili, o le lettere minuscole con la stessa altezza – hanno più probabilità di apparire armoniosi insieme, anche se l’aspetto generale è diverso.

07. Evita di associare i caratteri che sono troppo simili
Se alla regola numero 6 abbiamo detto di trovare delle somiglianze tra i font scelti e importante dire anche che scegliere font troppo simili rischia di essere un enorme disastro!

Scegliendo i caratteri che sono troppo simili (cioè non hanno abbastanza contrasto) diventa problematico. Avrai difficoltà a stabilire una gerarchia, perché i caratteri non sono visivamente distinguibili l’uno dall’altro. E qualsiasi differenza che sia visibile potrebbe sembrare più un errore che una scelta decisa.

Ma i caratteri non devono essere esattamente uguali per essere incompatibili. I caratteri tipografici che sono in qualche modo diversi ma con pesi, proporzioni e/o forme di lettere comparabili possono essere abbastanza simili da rendere il tuo disegno confuso e indistinto, specialmente se usati con le stesse dimensioni.

Ecco un modo semplice per verificare se due o più tipi di carattere potrebbero essere troppo simili: posizionali uno accanto all’altro sullo schermo, quindi siediti un po ‘e socchiudi gli occhi. Se i tipi di carattere sembrano sostanzialmente uguali, allora è una buona indicazione che il tuo design potrebbe trarre beneficio dall’aumentare il contrasto tra le tue scelte tipografiche.

08. Usa i font della stessa famiglia
Usare i caratteri tipografici della stessa famiglia è sempre una scommessa sicura; dopo tutto, sono stati creati per lavorare insieme. Cerca famiglie con una vasta gamma di opzioni (diversi pesi, stili, casi) per assicurarti di avere variazioni sufficiente per i tuoi scopi.

Quando si accoppiano i font che provengono dalla stessa famiglia, è necessario pianificare attentamente la creazione del contrasto, variando elementi come la dimensione del carattere, il peso e i capitalizzati. Le famiglie dotate di funzionalità extra come il corsivo o versioni estese o condensate offrono ancora più margine per essere creativi con le composizioni dei testi.

Uno dei vantaggi di limitare i caratteri tipografici per un progetto a una famiglia di font è che rende il processo di progettazione un po’ più snello. Può richiedere molto tempo cercare di decidere i caratteri perfetti da combinare, ma quando si dispone già di una selezione predeterminata si ottiene velocemente un aspetto più coeso.

09. Limita il numero di caratteri
Potresti aver già sentito la regola ovvero quella di non usare mai più di due font/massimo tre per  lavoro. Questa è una regola empirica appropriata in alcune applicazioni (ed è comune nei disegni editoriali come nelle riviste o nei prodotti editoriali), ma non è affatto una regola inviolabile!

Sebbene limitare l’uso dei font aiuta molto sia il designer che lo spettatore (sopratutto il designer quando ancora sta carcerando di prendere la patente per l’utilizzo di fonts) alcuni progetti richiedono combinazioni di font davvero elaborate, ad esempio se si sta cercando di replicare un certo aspetto, come una fantasia, un design dell’epoca vittoriana o quando si ha bisogno di un’estetica particolarmente decorativa e strutturata.  Quando si sceglie di utilizzare una certa quantità di caratteri, è importante che l’effetto complessivo sia essere armonioso, non conflittuale o ingombrante.

10. Fai tanta Fotuttisima Pratica!
Ultimo ma non meno importante, un suggerimento amichevole piuttosto che una regola vera e propria: esercitatevi a combinare i caratteri da soli. Come qualsiasi altra abilità, diventare competente comporta un sacco di tentativi ed errori. E come per la maggior parte degli sforzi creativi, l’arte di accoppiare i caratteri è spesso un obiettivo che va anelato con estremo sforzo. Non esiste una formula infallibile per trovare la perfetta combinazione di caratteri.

Quindi prenditi dei rischi. Sperimenta. Usa la tua intuizione. A volte hai la sensazione che qualcosa funzioni, anche se tecnicamente non dovrebbe funzionare secondo le “regole”. Altre volte, saprai solo che un accoppiamento non funziona; prova a capire perché e imparare da quei errori. Prendi queste regole come punto di partenza e, se ti servono bene, usale – altrimenti, non lasciare che soffochino la tua creatività.


Like it? Share with your friends!

46

Commenta

Commenti

Ceo & art director dello studio Wiredlayer nonché amministratore e direttore di robadagarafici.net Art Director, Social Media Manager, Team manager, Si occupa di grafica e comunicazione da 15 anni. admin di robadagrafici.net e relativa pagina facebook. Ha iniziato come Web designer e la propria esperienza professionale si è evoluta nel tempo fino alla visione completa dei progetti, occupandosi della definizione delle strategie di web marketing e della gestione dei budget, oltre che dal punto di vista grafico di ogni singolo progetto. Ideazione e sviluppo progetti di: comunicazione visiva cross-publishing, web marketing, Gestione diretta del cliente. Formazione/Organizzazione di Team di lavoro (Web, Social Media) marcolombardo@wiredlayer.com info@robadagrafici.net