lunedì, Novembre 28, 2022
HomeMagazineUn abbonamento per utilizzare i colori Pantone in Photoshop

Un abbonamento per utilizzare i colori Pantone in Photoshop

-

ascolta l'articolo!

D’ora in poi, le applicazioni Adobe come Photoshop, Illustrator e InDesign non supporteranno più gratuitamente i colori Pantone e coloro che desiderano che questi colori appaiano nei file salvati sotto forma di campioni dovranno pagare una licenza separata.

infatti la scorsa settimana, Adobe ha rimosso il supporto per i colori Pantone gratuiti nelle sue app e I file PSD contenenti tinte piatte Pantone ora mostreranno al loro posto un colore nero.  i creativi che hanno bisogno di accedere a libreria di colori standard dovranno pagare una quota di abbonamento per il plug-in in grado di gestire le librerie pantone.

 Pantone ha deciso di cambiare il proprio modello di business. Alcuni dei libri a colori Pantone precaricati in Adobe Photoshop, Illustrator e InDesign sono stati gradualmente eliminati dai futuri aggiornamenti

Il motivo di tale scelta è che le sue librerie di colori all’interno di Adobe non sono state mantenute correttamente per diversi anni , rendendo i colori Pantone imprecisi, e centinaia di applicazioni Adobe in cui queste librerie non sono supportate.

Prima dell’introduzione del sistema di corrispondenza dei colori Pantone (Pantone Color Matching System), le aziende utilizzavano linee guida sui colori individuali che producevano risultati incoerenti poiché ogni produttore di inchiostri poteva interpretare il “rosso” come sfumature leggermente diverse. Anche CMYK, un altro sistema di corrispondenza dei colori standard del settore utilizzato nelle stampanti domestiche, è considerato inferiore perché la combinazione richiesta di ciano, magenta, giallo e nero può causare lievi differenze. Pantone non richiede una combinazione di colori, il che lo rende più affidabile per i designer che lavorano su progetti di grandi dimensioni dove lo stesso colore deve essere uguale in ogni sua declinazione che sia il logo stampato su un gadget o su un insegna.

Esistono diversi modi per recuperare i campioni Pantone persi. Questi includono la disattivazione degli aggiornamenti automatici delle applicazioni Adobe se hai ancora accesso alle librerie dei colori Pantone o semplicemente la copia dei valori dei metadati per recuperare la gamma Pantone di cui hai bisogno, in alternativa sarà necessario sottoscrivere un abbonamento per l’utilizzo della plug in un abbonamento per utilizzare i colori Pantone in Photoshop.

Negli ultimi 60 anni, Pantone è diventato  lo standard globale de facto per la descrizione del colore tra designer e stampatori. Chiunque può usarlo e la sua ampia disponibilità, praticità e familiarità significa che tutti gli altri possono relazionarsi con gli stessi colori. Tuttavia, Pantone non è  uno standard. È il nome di un’azienda commerciale, originariamente un’azienda a conduzione familiare negli anni ’60 del New Jersey specializzata nella raffinazione e miglioramento del inchiostro di stampa, ma dal 2007  di proprietà della società di misurazione e gestione del colore X-Rite, a sua volta di proprietà della Danaher Corporation dal 2012, insieme al packaging. sviluppatore di sistemi  Esko e  produttore di codifica e marcatura a getto d’inchiostro Videojet.  Il  Pantone Matching System non è mai stato gratuito e la maggior parte dei costi significativi è legata alla stampa di circa 2.100 colori che devono essere cambiati ogni 18 mesi circa. 

In origine, i colori Pantone che non potevano essere riprodotti dai colori CMYK potevano essere stampati con tinte piatte premiscelate e Pantone vendeva un set di base di inchiostri e controlli formula per mescolarli per creare un colore accurato.

Mentre il design e la stampa diventano digitali, Pantone sta al passo con i tempi concedendo in licenza le sue librerie colori agli sviluppatori. RIP e DFE dispongono di  tabelle di ricerca  per ottenere la corrispondenza più vicina a CMYK o set estesi comunemente utilizzati nelle stampanti digitali.

 I costi di licenza del software sono stati precedentemente pagati dagli sviluppatori di applicazioni di design e sistemi di gestione del colore, quindi gli utenti finali non li hanno notati lo stesso valeva per adobe che pagava una quota a pantone per essere presente nei suoi software. l’azienda inoltre  rivendica la proprietà di tutti i 2.161 colori, proteggendo la  proprietà intellettuale e prevenendo l’uso non autorizzato. Ciò si estende all’impedire ad altri di creare sistemi di colore “compatibili Pantone”. In altre parole, affermano di avere  copyright sul colore.

Commenta

Commenti

Lombardo Marco
Lombardo Marcohttp://wiredlayer.com
Marco lombardo è il fondatore di robadagrafici.net Si occupa di aiutare i marchi a crescere. Crea identità memorabili grazie a strategie che ne rafforzano l'identità. marcolombardo@wiredlayer.com info@robadagrafici.net