ascolta l'articolo!

Quello che sto per raccontarvi non ha nulla a che fare con la grafica o l’arte o la creatività, anche se un po’ di quest’ultima è servita.

Questa storia voglio raccontarla perché, in tempi bui come questi, serve un po’ tutto per sorridere. La quarantena ci ha diviso, ci ha distanziati e ci ha anche reso diffidenti del prossimo. Ma non ha ucciso l’amore. Quello può nascere anche in momenti così. È successo ad esempio a Jeremy, un ragazzo di Brooklyn, nel momento in cui ha visto ballare su un tetto una ragazza. Lascio che il resto della storia ve la racconti lui stesso, con i suoi post di Instagram:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JEREMY COHEN (@jermcohen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JEREMY COHEN (@jermcohen) in data:

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da JEREMY COHEN (@jermcohen) in data:

condividi questa storia, condividi un po di amore!

Commenta

Commenti