non c’è pace per il povero logo di Airbnb
Il logo di Airbnb è stato scrutato a fondo fin da quando è stato  ridisegnato nel 2014. Il suo simbolo “ciondolante-circolante” è stato paragonato a un logo degli anni 70/80 e le forme erano incredibilmente somiglianti, certo a chi non è nuovo di questo ambiente sa che a volte capita di creare dei plagi originali, ricordiamo la recente vicenda del logo della formula 1.

Cè da dire che tutto quel clamore sul pittogramma cosi simile a uno del passato fece passare quasi in secondo piano tutto il logo nel suo complesso tanto è che raramente è stato paragonato ai marchi più  moderni e attuali, almeno, fino a poco tempo fa.

Un tweet del designer Daniel Benneworth-Grey e letteralmente diventato virale perché sottolinea una somiglianza che sembra aver gabbato gli attentissimi designer del web.

Nel post, Benneworth-Grey colloca il carattere di Airbnb sotto il logo di uno dei marchi più famosi al mondo: Adidas. La somiglianza è un pò inquietante, ammettiamolo.

A dirla tutta probabilmente usare i caratteri tipografici in parallelo potrebbero non essere una coincidenza, come si dice, “si copia sempre dai migliori”.

Proprio di recente, il tweet divenuto virale di un altro designer, notava come i principali loghi dei marchi dei più grossi player si stessero uniformando e diventando sempre più simili ed essenziali. Il motivo per cui molte aziende stanno minimizzando la loro identità visiva è semplice: devi essere visto, e quindi leggibile, sulle piattaforme intercambiabili di tutto il mondo.

come al solito il web ha poi subito ironizzato sul accaduto

Commenta

Commenti