ascolta l'articolo!

Sono ufficialmente passati 30 anni da quando Adobe Photoshop è per la prima volta apparso sui nostri schermi,  con la versione 1.0

 È corretto affermare che l’esistenza di Photoshop ha rivoluzionato molti settori, ma forse nessuno più della grafica, per quanto fosse originalmente nato per la fotografia.

Photoshop come lo conosciamo oggi è uno strumento potente in grado di manipolare le immagini in modo avanzato, dal foto-ritocco professionale ai meme per internet fino ad arrivare alle battaglie di Photoshop, ha anche però aperto le porte alla creazione di contenuti scadenti e di chi ne trae vantaggio per diffondere disinformazione. Il software è diventato così potente che Adobe ha dovuto pensare a diversi modi per assumersi la responsabilità di ciò che viene creato, infatti sta sviluppando un’AI in grado di riconoscere un’immagine modificata e quali ne sono le fonti, già presentata in anteprima all’ultimo Adobe Max.

Anche se il layout dell’interfaccia utente e la barra degli strumenti sembrano notevolmente simili a  quelli di oggi, Photoshop non ha introdotto i livelli fino a quattro anni dopo il suo rilascio. La sequenza temporale di seguito mostra quali funzionalità sono state aggiunte nel corso degli anni per arrivare al Photoshop che conosciamo oggi e immaginare il photoshop che vedremo domani.

Qualunque sia il futuro di Photoshop, gli ultimi tre decenni hanno portato a risultati incredibili. Non vediamo l’ora di vedere cosa porteranno i prossimi 30 anni.

Aggiornamento della CC

Per festeggiare il 30° compleanno, Adobe sta rilasciando proprio oggi  alcuni miglioramenti di Photoshop sia sul desktop che sull’iPadI punti salienti  di questo aggiornamento includono il riempimento migliorato del contenuto, supporto dell’interfaccia utente scura in macOS e lo strumento di selezione degli oggetti e le impostazioni avanzate dei caratteri tipografici su iPad.

Commenta

Commenti