fbpx
venerdì, Giugno 14, 2024
HomeNewsMondoMarvel Studios divide i fan con l'utilizzo dell'IA per gli intro di...

Marvel Studios divide i fan con l’utilizzo dell’IA per gli intro di Secret Invasion

-

ascolta l'articolo!

Marvel Studios e stata fortemente orticata in queste ore sui social a causa dell’utilizzo dell’intelligenza artificiale (IA) per creare gli intro della loro nuova serie, Secret Invasion, disponibile su Disney+. Questa scelta ha suscitato reazioni contrastanti tra i fan e ha alimentato un dibattito sul ruolo dell’IA nell’arte e nell’industria creativa.

Fin dal suo debutto, Secret Invasion ha destato scalpore per l’apertura della sigla, realizzata attraverso un IA (probabilmente una versione di satabel diffusion). Molti fan, tra cui alcuni artisti, si sono dichiarati sconcertati e delusi da questa scelta, definendo l’utilizzo dell’IA come “eticamente discutibile” e “pericoloso” per la professione degli artisti.

La regista di Secret Invasion, Ali Selim, ha spiegato che la decisione di utilizzare l’IA per creare l’intro è stata influenzata dalla trama della serie, incentrata sulla minaccia degli Skrull che si trasformano e cambiano identità. Selim ha affermato di non comprendere appieno il funzionamento dell’IA, ma ha ammesso di aver collaborato con Method Studios per trasmettere loro idee e concetti, lasciando poi al computer il compito di creare le immagini.

Tuttavia, la scelta di utilizzare l’IA ha suscitato una serie di critiche da parte dei fan e degli artisti. Molti sostengono che l’IA sia una minaccia esistenziale per la professione degli artisti, poiché viene utilizzata per creare arte senza il consenso o il compenso degli autori originali. Inoltre, i critici affermano che l’utilizzo dell’IA sostituisce il lavoro degli artisti reali, sminuendo il valore e l’importanza dell’arte tradizionale.

I fan si sono divisi sul giudizio dell’intro generato dall’IA. Alcuni hanno apprezzato l’aspetto unico e sorprendente delle immagini, ritenendolo in linea con la tematica della serie e il misterioso mondo degli Skrull. Altri, invece, hanno espresso delusione e rabbia, definendo l’intro “mediocre”.

Questa controversia mette in luce una sfida che l’industria dell’intrattenimento deve affrontare: il confine tra l’utilizzo dell’IA come strumento creativo e l’impatto che ha sulla comunità artistica. Molti sostengono che l’IA dovrebbe essere utilizzata come un complemento alla creatività umana, ma non come un sostituto.

Marvel Studios si trova ora di fronte a una reazione avversa da parte dei fan, con molti che chiedono maggiore considerazione verso gli artisti tradizionali e una riflessione sulle implicazioni etiche dell’utilizzo dell’IA. Sarà interessante vedere come Marvel risponderà a queste critiche e se future produzioni prenderanno in considerazione le preoccupazioni sollevate dalla comunità artistica.

Nonostante le controversie, Secret Invasion ha attirato l’attenzione di numerosi spettatori grazie alla sua trama avvincente e alle performance degli attori. La serie, basata sulla celebre saga dei fumetti Marvel con lo stesso nome, segue le avventure di Nick Fury nel suo tentativo di sventare una cospirazione degli Skrull, alieni capaci di assumere le sembianze di persone comuni. Le polemiche sull’utilizzo dell’IA, Secret Invasion è riuscita a generare un forte interesse tra i fan dei fumetti e gli appassionati dei film Marvel. Le critiche all’intro generato dall’IA non hanno inficiato l’entusiasmo per la serie nel suo complesso.

La discussione sull’IA nell’industria dell’intrattenimento è tutt’altro che conclusa. Molti si interrogano su quale sia il giusto equilibrio tra l’utilizzo dell’IA come strumento creativo e il rispetto per gli artisti tradizionali. È evidente che l’IA offre opportunità innovative e affascinanti, ma è anche necessario considerare le preoccupazioni etiche e i possibili impatti negativi sul settore artistico.

L’esperienza di Secret Invasion ha sollevato domande importanti che richiedono una riflessione approfondita da parte degli studio’s , degli artisti e del pubblico stesso. È fondamentale trovare un equilibrio che valorizzi sia le potenzialità dell’IA che il ruolo essenziale degli artisti umani.

Sarà interessante osservare come l’industria dell’intrattenimento si evolverà nel suo rapporto con l’IA e come si terrà conto delle preoccupazioni sollevate dagli artisti e dai fan.

Commenta

Commenti

Lombardo Marco
Lombardo Marcohttp://wiredlayer.com
Marco lombardo è il fondatore di robadagrafici.net Si occupa di aiutare i marchi a crescere. Crea identità memorabili grazie a strategie che ne rafforzano l'identità. marcolombardo@wiredlayer.com info@robadagrafici.net
- Advertisment -