ascolta l'articolo!
“È davvero importante per noi riconoscere che Android è in realtà un grande marchio globale”, ha affermato Sydney Thomashow, leader di Google per il marchio e la creatività per Android.
“Nel pensare al marchio, volevamo assicurarci di essere il più accessibili ed inclusivi possibile”.
Ebbene si, anche gli androidi sognano di fare le cose in grande (non solo pecore elettriche), ed il nuovo rebrand di Android ne è la prova.
Per prima cosa via quei nomi zuccherosi che richiamavano i dolci come Android Jellybean, KitKat o Marshmallow, la decima versione di Android è categorica: Android 10
Parlando della tipografia il marchio “android” si è ridotto, ha aggiunto gli steli e arrotondato selettivamente alcuni angoli. È ancora in minuscolo e sostanzialmente simile all’ultima re progettazione del 2014. Più evoluzione che rivoluzione, ma è sicuramente un cambiamento.
vecchio marchio android in confronto con il nuovo
Sydney Thomashow, la guida di Google per il marchio e la creatività per Android ha dichiarato che il marchio ha mantenuto un aspetto abbastanza coerente nell’ultimo decennio, ma poiché il sistema operativo è passato da pochi utenti a oltre 2 miliardi , Google ha deciso che deve essere più inclusivo. Ma che vuol dire essere inclusivi per Google? Non lo era già?
Sydney Thomashow, la guida di Google per il marchio e la creatività per Android
Sydney Thomashow, la guida di Google per il marchio e la creatività per Android

In realtà, colore, forma e nomi nel marchio sono molto più importanti per l’inclusività di quanto si possa pensare. Alcune persone daltoniche non interpretano correttamente certe sfumature di verde. I nomi delle dolci versioni di Android erano difficili da pronunciare per molti stranieri, soprattutto nel mercato orientale. Se Android è un marchio globale, è importante che rappresenti un pubblico veramente globale.

Ciò ha richiesto un ritorno al tavolo da disegno per Google in sviluppare una nuova strategia. La società doveva decidere come rappresentare al meglio Android, garantendo al contempo che il marchio fosse facilmente accessibile a chiunque già utilizzasse la piattaforma, quando si hanno forti comunità che sostengono un brand, la scommessa diventa quella di creare qualcosa che non si distacchi troppo dall’idea originale e, nello stesso tempo, che sia abbastanza incisivo per essere riconosciuto come punto di svolta. Insomma, è più facile disinnescare una bomba piuttosto.

I colori dovevano essere modificati, il verde non è esattamente un colore ottimale per un marchio globale. La forma più comune di daltonismo è daltonismo rosso-verde, che può rendere difficili da notare alcune sfumature di verde. Il modo migliore per rendere più visibile il verde è mescolarlo con colori più facili da vedere, ed è esattamente ciò che ha fatto il team di Thomashow che ha dichiarato:

“Abbiamo preso il nostro verde Android già esistente e abbiamo  aggiunto un po’ più di blu. Ciò che ci ha permesso di fare è iniziare a integrare il verde Android con altre sfumature di blu.”

Questa mossa ha effettivamente senso. L’aggiunta di blu alla tonalità di verde esistente di Android consente al marchio di abbinarsi più strettamente al marchio aziendale di Google e offre maggiori opportunità di mescolare il verde con altri colori.

La precedente tonalità di verde di Google era l’unico colore ufficiale per il marchio e non ha superato i test di accessibilità WCAG . Inoltre, tecnicamente non andava bene con nessun colore tranne il bianco. Questo è stato un grosso problema per Google. La nuova palette passa le linee guida WCAG a pieni voti e dovrebbe rendere il marchio Android più accessibile e più bello allo stesso tempo.

La nuova palette dei colori offre al marchio la flessibilità di adattarsi in modo più appropriato in molti scenari diversi.

L’insieme di sei colori (più il bianco e nero, ovviamente) sono progettati per funzionare insieme indipendentemente dalla combinazione o dal layout.

I colori sono ovviamente molto complementari, fornendo anche un sacco di contrasto tra due qualsiasi quando li metti fianco a fianco. La palette è nel complesso terrosa e ai miei occhi trae molta ispirazione dai colori utilizzati sui recenti prodotti hardware di Google. A colpo d’occhio vedo subito Pixel Slate nel colore blu scuro e Home Mini nell’arancione. Il resto dei colori si adatterebbe perfettamente con l’attuale gamma di telefoni Pixel di Google.

Andy il robottino di Android è sempre stato usato come mascotte del marchio, e ciò permetteva di poter scorporare in maniera autonoma, ma Google ha pensato bene di rendere più efficace la presenza della sua mascotte includendolo nel marchio. Il nome Android sarà ora sempre accompagnato dalla testa del robot. Non vedrai più il marchio “Android” senza la testa del robot da qualche parte adiacente. Sia a destra o sopra.

“Nel progettare il marchio denominativo abbiamo preso un’enorme quantità di ispirazione da una delle nostre risorse più riconoscibili, che è il robot Android. Ed abbiamo iniziato a rendere il nostro marchio un po’ più sottile, più geometrico e moderno. E in realtà abbiamo introdotto alcune curve nel marchio stesso che imitano e riflettono lo stesso raggio che vedresti in tutto il robot”.

Nel nuovo marchio denominativo, ci sono delle curve nella parte inferiore del testo dove normalmente dovrebbero esserci delle linee rette stando al vecchio disegno. Questo aiuta a rendere il marchio denominativo più simile al robot Android stesso. La curva della “o” nel marchio denominativo ha anche lo stesso raggio della testa di Andy. Finezze che a noi malati del design non sfuggono!

Il team di Thomashow ha deciso di utilizzare solo la testa anziché l’intero corpo della mascotte. Ciò ha permesso loro di concentrarsi su come il robot potrebbe essere più espressivo, utilizzando meno elementi. Andy potrebbe non sembrare molto diverso, ma sono i piccoli cambiamenti che hanno il maggiore impatto.

 

Google ha riflettuto molto su come utilizzare piccoli elementi espressivi come antenne ed occhi per dare emozioni e vita al robot, ha escogitato alcuni concetti davvero interessanti. Le antenne possono aiutare a esprimere le emozioni, guidare gli occhi dello spettatore in una certa direzione e altro ancora.

Il marchio sarà lanciato nelle prossime settimane in vista del debutto ufficiale di “android 10” su smartphone e altri dispositivi.

Commenta

Commenti