78
597 shares, 78 points

Monument Valley è un videogame di esplorazione surreale attraverso architetture fantastiche e geometrie impossibili.

Ispirato alle opere d’arte di M.C. Escher, alle stampe giapponesi e al design 3D minimalista, è stato disegnato da Ken Wong with David Fernandez Huerte, Manesh and Van Le at ustwogames.

In questo gioco per mobile, i player devono guidare un personaggio attraverso passaggi nascosti e illusioni ottiche.

Ogni livello è una fantastica combinazione di illustrazione, puzzle e architettura.

Ken Wong, Lead designer del team, iniziò creando delle architetture del tutto possibili, che non davano affatto l’idea di “videogame”, ma che riuscivano a catturare l’occhio e a creare tale suggestione che il team ha deciso di seguire questa strada per l’intero gioco.

Osservando questo primo artwork si realizza immediatamente quanto vicino sia al risultato finale del gioco sviluppato.

“È incredibilmente soddisfacente essere riusciti a realizzare il potenziale di quella pura idea.”

Il primo Artwork di Monument Valley. È soprendentemente vicino al gioco finale.

Sebbene molti possano descrivere  Monument Valley come “visivamente spettacolare”, il cuore del gioco è il puzzle, ispirato alle geometrie impossibili di M.C. Escher.

Anche da un punto di vista tecnico, ricreare queste geometrie e l’impossibilità di esplorarle on-screen ha creato una grande difficoltà.

Il gioco crea la necessità di far comprendere al computer questi oggetti, allo stesso modo in cui li vedono gli esseri umani, di fargli vedere “la propria stessa illusione ottica”.

 

Il design dei personaggi è semplice e minimal in perfetto stile con l’intero gioco.

Un efficace gioco di geometrie, ombre e gradienti che definiscono mondo fantastico fatto di architetture impossibili.

 

L’effetto finale è proprio quello di una stampa, di un’illustrazione, che ci immergono in una fantastica esperienza visiva.

 

Ed infine, ecco i “dietro le quinte” di Monument Valley e Monument Valley 2!


Like it? Share with your friends!

78
597 shares, 78 points

Commenta

Commenti

Simone Checchia
Pugliese, laureato graphic design presso l'abaFG, lavora come web designer e creativo in uno studio di pazzi. "Blue Orange" è il suo motto, la sua personalità, il suo essere: qualcosa di estremamente familiare, ma al contempo anticonvenzionale e fuori dagli schemi! Scrive e amministra Roba da Grafici con lo pseudonimo di [blueorange].