44
786 shares, 44 points

“CURRICULM VITAE”

Quella parolona che rimbomba costantemente nella vostra testa quando trovate un bando per un posto per cui volete candidarvi, quelle poche righe che devi far stare in 2 pagine, con un carattere non inferiore a 10, che siano in grado di raccontare la tua vita e carriera in modo così accattivante da ottenere un colloquio.


Non puoi mettere troppo, ma hai paura a mettere poco.

Non hai uno straccio di esperienza professionale seria, ma hai 30 anni e ti vergogni a scriverlo.

Non sei laureato, ma sai di avere le competenze necessarie..ma come glielo faccio capire?!

Hai tanta esperienza, ma forse è troppa per un posto da Junior.

Vorresti dire tutto su di te, ma se ti dilunghi troppo, il tempo dedicato alla lettura del tuo CV sarà di 5 secondi netti.

 

Quindi, come c**** lo scrivo il CV?!?

  • Il CV deve dare l’impressione che voi siate il candidato perfetto, quello che ha le capacità innate ma  che ha anche  maturato le competenze necessarie
  • Il CV deve dire quello che sapete fare e affermare che sapete farlo meglio degli altri.
  • Il CV dice tutto di voi, anzi, deve dire tutto, in sole 2 pagine.
  • Il CV del grafico dev’essere figo.
  • Il CV dev’essere sintetico ma esplicativo, quindi: poche parole, ma incisive.

Date un’occhiata in giro sul web per i vari format dei CV nei diversi paesi: in Inghilterra, ad esempio, dove vige la meritocrazia più assoluta, non vogliono vedere la vostra foto, nè il sesso, nè la data di nascita per evitare qualsiasi tipo di discriminazione anche involontaria. Sempre per il format del CV inglese, va inserito il “personal statement” all’inizio: una breve presentazione di sè e delle proprie abilità; questo “personal statement” in Italia non si usa, perchè è quasi sempre richiesta una lettera motivazionale allegata.

Adattate il vostro CV a seconda dell’azienda o del paese a cui lo state inviando. Non scrivete proprio tutto su di voi, ma inserite le caratteristiche e le competenze che ritenete più rilevanti per il posto per cui vi state candidando.

Di come scrivere un curriculum nel formato europeo efficace ne abbiamo parlato anche tempo fa in un nostro vecchio articolo, magari rileggerlo sarebbe una buona cosa! Ricordate che un buon curriculum è solo una parte di ciò che dovete portare , un altro punto fondamentale, come viene ricordato nel articolo Curriculum Vitae e Portfolio Creativo per Grafici , è il vostro portfolio.

Siete grafici! Lasciatevi ispirare!

  • Sfruttate le icone (controllate dai vari websites le linee guida per l’utilizzo dei loghi)
  • Disegnate grafici e tabelle
  • Inserite il vostro logo
  • Usate i colori
  • Sfruttate il vostro buon gusto grafico per fare emergere il vostro CV tra tanti, a colpo d’occhio!
  • Impaginate come solo voi sapete fare 

Date un’occhiata a questi 20 “CV grafici” che abbiamo scovato qua e là, nel frattempo vi auguro “In culo alla balena!”

e al massimo vi sbatteranno la porta in faccia


Like it? Share with your friends!

44
786 shares, 44 points

Commenta

Commenti

Bianca Dagheti
Con una formazione ampia su fotografia, cinema e grafica mi incuriosisco facilmente dei vari aspetti della creatività. Non mi fermo mai per colpa dei miei tanti (troppi) interessi, ma quando riesco a prendermi una pausa scrivo per RDG.