Designer Anthology


Designer Anthology, attraverso una selezione ragionata di autori, intende offrire un’ampia panoramica del Graphic Design internazionale lungo il corso del Novecento.

Il progetto editoriale è organizzato secondo un criterio metodologico rigorosamente omogeneo, ispirato agli sviluppi artistici della comunicazione visiva.

Ogni autore è presentato con brevi sezioni biografiche che ne permettono l’ inquadramento nel contesto storico di riferimento, e un commento critico legato all’opera più rappresentativa.

Designer Anthology compie dunque un viaggio introspettivo alla ricerca delle fonti di ispirazione degli autori selezionati con l’obiettivo di fornire ulteriori spunti di riflessione.

In questo senso, il progetto si presenta quindi come strumento di studio e consultazione per neofiti del settore e professionisti che hanno interesse nell’approfondire tematiche legate alla sperimentazione progettuale.

Designer Anthology è consultabile online e presto disponibile anche in formato pdf scaricabile.

01. Milton Glaser. “Il senso dell’ironia è la più performante forma di comunicazione”.

02. Bruno Munari. “l’implacabile ragionatore per assurdo

03.Paul Rand. “Il marchio di Chanel profuma esattamente come il profumo che rappresenta: sintesi di forma e contenuto”.

04. Saul Bass: quando i titoli di testa diventano arte

05. Herb Lubalin: “I caratteri devono parlare da soli, come le immagini”

06. Bob Noorda: il progettista invisibile

07. Franco Grignani: tra distorsioni e percezioni espressive

08. Massimo Vignelli: “Il buon design è potente, intellettualmente elegante e senza tempo”

09. Jan Tschichold e la Nuova Tipografia

10. Henryk Tomaszewski e il nuovo linguaggio visivo del Manifesto Polacco

M&M Michele e Martina

Michele isn’t a Superhero, but every night turn himself into a Designer. Instead, Martina is a digital museum addicted.

Designer Anthology